13 marzo 2013

Un trucco... burlesque!!!


Ironia,  gioco e spettacolarità attraverso l’espressione della femminilità e dell’erotismo: stiamo parlando del  Burlesque. Il genere nasce nella seconda meta’ dell’Ottocento in Inghilterra come uno spettacolo teatrale la cui sovversiva ironia sconfina nella satira contro la classe dirigente.


Ben presto  lo spettacolo perde  gran parte del suo carattere sovversivo per diventare sempre più un intrattenimento piccante e trasgressivo, ma mai volgare. Protagonista assoluta di queste performance e’ la donna che, per la gioia del pubblico, indossa abiti e costumi succinti, un vero spettacolo di divertimento per adulti, imperniato su scene comiche a sfondo erotico, danze del ventre, siparietti improvvisati basati su doppi sensi, numeri di equilibristi o giocolieri, canti e danze. ll genere diventa famoso subito dopo la Prima Guerra Mondiale, quando viene introdotto lo strip tease e il nudo scenico.  

Tempest Storm

















Blaze Starr





















Ottiene così la sua “Golden Age” negli anni ’40 e ’50 grazie ad alcune stelle del burlesque come Tempest Storm, Dixie Evans ,Gipsy Rose Lee, Blaze Starr, Ann Corio, che sanno spogliarsi con sensualità e ironia o come Bettie Page, simbolo incontrastato del fetish e del bizzarre. 

Bettie Page


















Bettie Page 


















Fenomeno di massa e di nicchia al tempo stesso, il revival del Burlesque si è confermato in questo ultimi anni come un’inesauribile fonte di ispirazione per il cinema, lo spettacolo, la musica, il teatro, la danza, l’abbigliamento.

Burlesque (2011)


Portato di recente sui grandi schermi da Cher e Christina Aguilera con l’omonimo film - musical “Burlesque”(2011) e osannato dal grande pubblico grazie al look e alle performance di Dita Von Teese, icona contemporanea del genere, il Burlesque è diventato oggetto di culto da parte di performer, ballerine, soubrette, coreografe, artiste, appassionate e fan in tutto il mondo. 





Dita Von Teese






















Gli esperti lo chiamano Neo Burlesque o New Burlesque, per distinguerlo da quello della Golden Age.

Per eseguire un make up degno di una vera diva di BURLESQUE bisogna prima decidere se ci sentiamo più ”flappers”, dive anni ‘40 o delle moderne pin up: il trucco e l’acconciatura cambieranno molto.
Oltre alle onde aderenti e schiacciate, all’eyeliner grafico e alla sensualissima bocca rossa, stereotipo dell’arte Burlesque,possiamo rendere il trucco  più audace, magari con un carrè nero stile Luise Brooks e con un make up da charleston!!

Vediamo insieme come poterlo realizzare:

Make Up: Rosy Alai
Photographer: Fabrizio Perrini
Stylist: Valeria Gaetano
Model: Cristina De Lucia
-          Per la base è molto importante utilizzare un fondo chiaro, che metterà in risalto tutto il viso e lo farà sembrare quasi di porcellana. Una cipria in polvere libera avorio darà poi il giusto effetto;

-          Per gli occhi sarà importante bordarli di scuro per renderli espressivi e magari cimentarsi anche in uno smokey esagerato e dall’accento retrò per avere uno sguardo sensuale e malinconico;

-          La bocca potra’ essere delineata da un rossetto rouge noir e magari disegnata con una forma più tipicamente twenty a cuoricino, mentre le guance dovranno accendersi con un impertinente e sfrontato blush colore ciliegia.

Piume, paillettes e  velette sono sempre ammesse: l’importante e’ osare con la giusta dose di ironia,  sensualita’ e femminilita’ per far uscire la ”diva“ che e’ in ogni donna!! 

Make Up: Rosy Alai
Photographer: Fabrizio Perrini
Stylist: Valeria Gaetano
Model: Cristina De Lucia




Testo di Rosy Alai





Location: Micca Club









Nessun commento:

Posta un commento