22 ottobre 2013

Le allergie ai cosmetici - Parte Seconda

Creme idratanti e prodotti detergenti:
Prima di effettuare un make-up occorre detergere ed idratare accuratament e la pelle. In commercio si possono reperire molti prodotti utili a questo scopo come: latte, tonico, struccante per occhi e labbra, creme idratanti, nutrienti e anti-age.
Prima dell’utilizzo di questi prodotti, bisognerebbe leggere attentamente la lista degli ingredienti poiché alcuni  componenti potrebbero provocare allergia come i conservanti ( il methylisothiazolinone e il methylchloroisothiazolinone) che vengono impiegati nei cosmetici convenzionali per evitare lo sviluppo di batteri. Di norma non sono presenti all'interno dei prodotti per la detergenza e la cura della pelle che siano certificati come biologici e privi di allergeni, poiché questi ultimi impiegano dei conservanti più delicati.

Fondotinta:
Il fondotinta è un cosmetico e non un medicinale e quindi, per definizione, non ha un effetto farmacologico, ma soltanto estetico.
Prodotti anidri che possono contenere dosi rilevanti di metalli pesanti. L’esposizione prolungata della cute a ossidi di ferro può esercitare effetto ossidante.
È quindi opportuno che questi prodotti siano arricchiti con più principi attivi antiossidanti. Un fattore positivo è invece l’azione di schermo contro gli UV, soprattutto gli UVA, esercitata dai pigmenti.
Quasi sempre, contengono conservanti antifungini. Visto il loro impiego esteso sul viso, spesso sono profumati per renderli più gradevoli.
• Fondotinta fluidi
Emulsioni meno ricche di pigmenti rispetto ai fondotinta compatti, ma contengono più conservanti per via del loro contenuto elevato di acqua. Possono essere facilmente contaminati da metalli pesanti. I prodotti migliori dal punto di vista tossicologico sono quelli che presentano la maggiore sostantività, quindi le formule con olio esterno o siliconiche, che tuttavia non risultano occlusive. Anche in questi prodotti di uso quotidiano è molto importante la presenza di agenti antiossidanti e l’indicazione del fattore di protezione UV esercitato. La maggior parte dei fondotinta fluidi contengono profumo.

Miscele utilizzate nel make up:
Le miscele meccaniche trovano applicazione soprattutto nella cosmetica decorativa. Si tratta di sistemi monofasici costituiti da miscele di polveri ottenute attraverso diversi meccanismi di macinazione, di ventilazione e di setacciatura. A seguito di questi processi, può essere eseguito o meno un intervento di pressatura. Queste polveri sono essenzialmente dei pigmenti, sia di tipo organico che inorganico insolubili nel veicolo in cui vengono dispersi, come gli ossidi di ferro e di cromo, i coloranti azoici e le chinoline. Oltre a questi, di cui si è già parlato nell'articolo dedicato ai pigmenti, se ne possono elencare altri, come il carbonato di calcio, di magnesio, il caolino, talco, stearati di zinco, magnesio, calcio e silice pirogenica, utilizzati nelle miscele meccaniche per conferire maggior luminosità, più sfumature e toni più caldi.
Le formulazioni meccaniche presenti in commercio sono le ciprie, i fard e gli ombretti.



Trucco occhi:
Truccare gli occhi significa utilizzare pigmento al fine di creare nuove ombre per modificare forma e inclinazione. I prodotti vengono utilizzati su palpebra, rima ciliare inferiore e superiore. Per il trucco degli occhi i prodotti di base necessari sono le matite e gli ombretti, affiancati da prodotti di rifinitura come mascara ed eye-liner.
La matita per gli occhi è fondamentale per il trucco: essa è composta di pigmento e sostanze grasse di consistenza piuttosto solida ed è quindi idrorepellente per cui permette resistenza all’acqua e massima aderenza alla superficie cutanea. Un accorgimento utile è quello di temperare la matita prima dell'utilizzo per eliminare lo strato superficiale che è stato precedentemente a contatto con gli occhi. Le sostanze che danno allergia sono  il nickel e il cobalto.

Gli ombretti, cremosi o in polvere, si utilizzano per dare luminosità e profondità. Quelli in commercio sono composti da cipria, una piccola percentuale d' acqua, essenze naturali e coloranti. Sono da evitare gli ombretti contenenti nikel che ha effetti irritante soprattutto per le persone con allergie o pelli particolarmente sensibili e delicate. Nello specifico abbiamo:
 - Ombretti in polvere
Ricchi di pigmenti minerali, per lo più ossidi di ferro, spesso recano come impurezze nichel, cromo e cobalto. In genere i colori scuri sono più a rischio. Nonostante siano prodotti anidri, sono spesso conservati con antifungini per scongiurare la crescita di muffe alla superficie o nella condensa che si può creare sulla pastiglia. Possono contenere profumi. 
 - Ombretti in pasta e liquidi
Meno ricchi di pigmenti, sono emulsioni e dispersioni in cui è presente un veicolo  acquoso, e quindi richiedono generalmente la presenza di conservanti.
Inoltre, per quanto riguarda il trucco degli  occhi, un altro prodotto importante è il mascara, prodotto fortemente a rischio, complice anche il colore scuro, con presenza di metalli pesanti, nichel in particolare, che può raggiungere livelli molto elevati.
Il mascara è, nella maggior parte dei casi, un’emulsione che contiene una buona percentuale di acqua, fatto che lo espone a rischi di contaminazione e alla necessità di un sistema conservante molto carico. Inoltre, quasi sempre, contiene profumo e, data anche la sede dell’applicazione, è uno dei prodotti meno facilmente tollerati e più chiamati in causa come responsabili delle dermatiti da cosmetici.

Trucco labbra:
I rossetti sono miscele di olii, grassi e cere. Nei lucidalabbra la fase grassa non è cerosa ma a base di olii, paraffine e vaseline. Come sostanze coloranti si usano lacche, pigmenti minerali e colori liposolubili. Si utilizzano inoltre alogeno-derivati, per lo più del Bromo, alla fluoresceina come fissatori. Se i grassi si ossidano possono eccitare gli atomi di alogeno, sviluppando metalloidi irritanti o fotosensibilizzanti. Le lacche sono coloranti organici contenenti un gruppo solfonico o carbossilico che si combina con un metallo alcalino-terroso per formare colori insolubili. Combinate con i pigmenti minerali consentono di avere una vastissima gamma di colorazioni.
I colori liposolubili, di natura organica, sono impiegati in bassissima percentuale per rendere omogenea la superficie della tinta. Anche il rossetto quindi può presentare contaminazioni, anche rilevanti, da metalli. 

I pennelli:
Mantenere i pennelli da trucco puliti è un buon modo per evitare allergie e infezioni. I residui di make-up e il grasso della pelle che si accumulano sui pennelli sono un ricettacolo di batteri e impurità. 
Infine, ora possiamo dire cosa è  meglio fare per evitare di ritrovarsi in situazioni spiacevoli in cui appena finito il make up ti ritrovi con macchie in viso e sei costretto a togliere tutti i cosmetici che hai appena utilizzato dal viso oltre ad avvertire tutti gli altri sintomi dell‘allergia.







Continua....



Testo di Valentina Giansanti per la tesina finale del Corso di Trucco Beauty &

Nessun commento:

Posta un commento