8 ottobre 2013

Un salto negli anni Cinquanta - Prima Parte

Bettina, la modella più famosa del decennio
L’eleganza prima di tutto!Nella fase di incertezza, che segue la fine della guerra, la tradizione e i valori conservatori conoscono un grande rilancio. Le privazioni patite e la mancanza di comodità rendono gradite le gioie del focolare, del marito ritornato dal fronte. Ci si sposa in fretta e si fanno subito dei bambini – fino a metà degli anni ’50 il tasso di natalità degli Stati Uniti sopravanza quello d’Europa!
Moglie e madre modello, la donna ha come principale preoccupazione di piacere al suo sposo e di tenere in ordine la casa, dove ormai fanno la loro comparsa aspirapolvere e lavatrice, fonte di scontento per le femministe che, profondamente influenzate da Simone de Beauvoir e dal suo Secondo sesso, pubblicato nel 1949, vedono nel gusto per la vita domestica una deplorevole regressione.
Oggetto dei loro strali, per altro senza grande successo, sono le gonne riallungate di una decina di centimetri da Christian Dior. Per ottenere il vitino di vespa ed i seni prorompenti delle pin up americane, si ricorre alla guepière creata da Marcel Rochas, versione moderna del busto di vittoriana memoria. Con i tacchi a spillo di Roger Vivier, le signore eleganti trotterellano a piccoli passi.
Pubblicità Wella
Nel 1949 trionfa lo “sguardo da cerbiatta” ottenuto con ombretto, matita per le sopracciglia, mascara e soprattutto eyeliner, una moda che durerà per una quindicina di anni. L’importanza del trucco degli occhi porta ad un diluvio di novità e a varie riformulazioni di prodotti esistenti. Il maquillage pone l’accento sul chiarore diafano della pelle e su labbra intense, scompare il fard, in contrasto con il look fatale. Le ciprie in polvere troneggiano sui tavoli da toeletta, mentre le versioni compatte trovano fissa dimora dentro la borsetta. Rimmel crea una trousse di colori per labbra che comprende specchietto e pennellino, mentre Gala, una casa cosmetica newyorkese introduce, con Thick and Thin, due matite che sostituiscono il rossetto legate insieme da una catenella.
Come già prima della guerra, i colori del trucco sono coordinati all’abbigliamento, abitudine criticata dai visagisti di Hollywood e in gran parte dovuta alla francese Germaine Monteil. Stanca di non riuscire a trovare l’ombretto o il rossetto in tinta con le varie mise, la Monteil fu la prima sarta a lanciarsi nella produzione di cosmetici. L’impresa le riuscì così bene che ben presto abbandonò la sartoria.
Pubblicità Peggy Sage
Gli anni ’50 vedono emergere il jet set, che vive in mezzo ai lussi, agi e raffinatezza. Uno stile di vita che si comincia a seguire con discrezione, grazie alla televisione che d’ora in avanti trasmetterà quotidianamente i grandi e piccoli fatti del mondo. Come il matrimonio, nel 1947, della principessa Elisabetta con il Duca di Edimburgo che aprirà un decennio di nozze da favola. Le cerimonie nuziali del principe Ranieri di Monaco con Grace Kelly, dello Scià di Persia e Soraya, dell’Aga Khan e Rita Hayworth, di Baldovino di Belgio e Fabiola, senza dimenticare la celebrata unione del presidente degli Stati Uniti e Jaqueline Bouvier, sono eventi da favola che fanno sognare le sartine degli anni ’50. Sulla scia di tanti avvenimenti sfarzosi, stilisti, parrucchieri e ben presto anche truccatori conosceranno una gloria che non si era mai vista.

Il salone di Alexandre, a Parigi, che annovera clienti come Marie-Hélène de Rothschild, Liz Taylor e Jaqueline de Ribes, è sempre pieno. Il foulard Hermès, annodato sui capelli di Audrey Hepburn, il N°5 che profuma le notti di Marilyn Monroe o il rossetto Coronation Pink lanciato da Helena Rubinstein per l’incoronazione della regina di Inghilterra, diventano simboli di uno stile all’ultimo grido. L’arte di farsi belle e avere una pelle perfetta sono chiari indici di successo. La duchessa di Windsor non ha fatto forse ridipingere le pareti della sua residenza parigina in una tinta che si intonasse alla sia cipria?


Continua......



Tratto da La Bellezza - Immagine e stile



Il trucco nelle epoche fa parte del programma del corso di trucco beauty&correttivo di 120 ore + stage. Clicca QUI per il programma completo

Trucco anni '50 realizzato dalla nostra docente Rosy Alai durante il Corso di Trucco Beauty








Nessun commento:

Posta un commento