16 ottobre 2013

Youtube: beauty guru alla riscossa

Il fenomeno YouTube negli ultimi anni è cresciuto a dismisura e ha conquistato il mondo del web, laddove centinaia di adolescenti e donne di tutte le età dichiarano di guardare regolarmente video editati da altre donne come loro, meglio conosciute con il termine di beauty guru, in cui si discute circa le ultime tendenze e usi in fatto di bellezza e affini.  
Sono ormai lontani i giorni in cui non si conoscevano le ultime novità presenti sul mercato o quale shampoo usare per domare ricci indisciplinati e ribelli.  
Sono sufficienti un account YouTube e una videocamera, un minimo di conoscenza nel campo della moda e della bellezza, un po’ di sfacciataggine e tanta voglia di mettersi in gioco e con un solo click le beauty guru di tutto il mondo sono libere di caricare qualsiasi tipo di video e presentare quello che potrebbe potenzialmente diventare il filmato più visualizzato del web.  
Che si tratti di un video in cui si mostrano gli ultimi acquisti da drugstores o pharmacies (le famose “farmacie” inglesi e americane paragonabili, seppur alla lontana, alle nostre profumerie) o in cui si mettono a confronto mascara di alta profumeria contro alternative più economiche, il fenomeno di condivisione di video sul web conosciuto con il nome inglese di beauty community, si sta espandendo e guadagnando sempre più seguaci.  
Esistono diversi format in cui un video può essere pubblicato.
Il più conosciuto e richiesto tra gli utenti del web è il famoso TUTORIAL, un tipo di video in cui normalmente viene proposto un make-up e vengono spiegati i vari passi per poterlo riprodurre. 
Altro format estremamente in voga è la HAUL in cui vengono mostrati gli ultimi acquisti. Il termine inglese in italiano viene tradotto con bottino o refurtiva. Non a caso la guru mostra alla videocamera una serie piuttosto cospicua di prodotti appena acquistati senza necessariamente fornirne le opinioni. I video haul infatti, risultano utili all’utente poiché offrono semplicemente un’idea di ciò che è attualmente reperibile sul mercato, sia fisico, che online.  
I giudizi vengono invece forniti tramite i video REVIEW in cui le beauty guru offrono delle recensioni sui prodotti da loro testati ed utilizzati. Lo scopo è quello di aiutare gli iscritti al proprio canale a decidere quali prodotti è meglio acquistare e quali invece evitare.  
Altri format sono dedicati ai GIVEAWAY, delle specie di lotterie in cui vengono messi in palio alcuni tra i prodotti preferiti delle guru che verranno poi regalati alla fortunata che verrà estratta generalmente tra gli iscritti e tra i vari commenti al video. In cambio si richiedono appunto commenti, condivisioni e visualizzazioni; altri ancora sono OOTD che sta per Outfit Of The Day, in altre parole l’abbigliamento del giorno e nei quali quindi si tendono a dare anche consigli in fatto di moda.  
Esiste anche il formato VLOG, una sorta di video diario in cui gli utenti vengono resi partecipi di una giornata tipo o di un evento che la guru ha deciso di condividere con il proprio pubblico.  
Il fenomeno beauty community/beauty guru nasce anche a seguito dell’attuale contingenza economica.
Per far fronte al precariato e alla disoccupazione occorre ingegnarsi e da quando è stata introdotta una forma di pagamento per i propri soci, YouTube può essere considerato un vero e proprio lavoro.  
Funziona così: più la youtuber guru diventa famosa all’interno della beauty community, più ottiene nuovi iscritti e il suo video finirà tra lista dei video consigliati nella homepage di YouTube. Inevitabilmente ne consegue una crescita del numero di visualizzazioni del proprio canale ed è così che la guru, diventata ormai partner di YouTube, inizia a guadagnare.  
Ed é proprio in questo frangente che intervengono le case cosmetiche, ormai ben consapevoli di questo fenomeno, tanto da cercare di sfruttarlo a proprio vantaggio per promuovere i loro prodotti.  
Così, ecco servito un altro motivo per la crescita imponente del fenomeno: lavorare per un grande brand e diventarne testimonial è il sogno di ogni make-up addict.  
Michelle Phan
E’ questo il caso dell’ormai famosa youtuber asiatica Michelle Phan che dopo aver letteralmente sbaragliato la concorrenza nel giro di poche settimane dalla pubblicazione dei suoi primi video su YouTube, è stata scelta come collaboratrice e testimonial per Lancôme, arrivando a creare una propria linea cosmetica, Em Cosmetics, che da qualche mese è reperibile online e già spopola tra le sue fans.  
Le fans, per l’appunto, sono la grande forza del suo successo.
Con quasi cinque milioni d’iscritti al suo canale YouTube, Michelle Phan vanta una schiera di seguaci pronti a difenderla di fronte ad ogni commento negativo.  
Per anni la youtuber asiatica è stata promotrice della bellezza naturale, facendo del motto “ama te stessa, valorizza ciò che Dio ti ha donato” il suo cavallo di battaglia, riuscendo così a conquistare le utenti del web di tutto il mondo, anche le più insicure.
La stessa Michelle, qualche tempo prima, commentava così sulla sua pagina Facebook:

«It all stems from understanding and accepting your flaws, because once you accept your flaws, everything else is easier. For me, I’m short, I have big calves, a wide nose, weak chin. I’m not supermodel thin, but guess what, I am who I am and I’m going rock what God gave me. To me, the most beautiful thing is to see a girl who is positive and radiants inner beauty. Start by smiling, and everyone will notice what a beautiful girl you are. »

In sostanza, Michelle dichiara sì di avere anche lei qualche piccolo difetto estetico, tra i quali si elenca il suo mento, ma la chiave del successo per l’accettazione di se stessi risiede nel sorriso: per lei non c’è niente di più bello che vedere una ragazza positiva e raggiante rispetto alla sua bellezza interiore.  
Date queste premesse, il pettegolezzo non ha tardato a diffondersi in maniera quasi virale quando ha cominciato a spargersi la voce dei presunti interventi chirurgici ai quali la Phan si sarebbe sottoposta per correggere la forma del suo mento.  
Tempo che vivi, pettegolezzo che trovi: così come agli inizi degli anni ’90, epoca in cui veniva trasmessa la serie “I Segreti di Twin Peaks”, la frase “Chi ha ucciso Laura Palmer?” era diventata un vero e proprio tormentone, oggi sul web ci si domanda “Michelle Phan si è davvero rifatta il mento?”.  
Evidentemente per Michelle il sorriso non è stato sufficiente e nuovamente tra i suoi stati di Facebook troviamo anche questo:

«I can tell you straight up that I’m not natural beauty, I’ve tried all sorts of things like botox and other injections because it’s not permanent. Surgery? No. I don’t have any downtime, but I wouldn’t mind getting work done. »

Quindi afferma di non essere una bellezza naturale e di aver fatto ricorso ad alcuni trattamenti non permanenti per migliorarsi, quali botox e altre iniezioni.
Nega però di aver fatto ricorso alla chirurgia plastica per poi ammettere nelle righe successive di non escluderla in futuro per contrastare i segni del tempo.  
L’opinione tra i suoi fans si spacca in due: c’è chi l’accusa di ipocrisia e disonestà e chi invece continua a difenderla e sostenerla, imputando i suoi cambiamenti ad un forte dimagrimento e ad interventi correttivi della dentatura.  
Il caso è ancora  aperto e il noto detto è qui particolarmente calzante: che se ne parli bene o che se ne parli male, l’importante è parlarne…
Abbiamo precedente detto che il fenomeno beauty guru non riguarda solo gli Stati Uniti ma si è diffuso a livello globale.
Ecco quindi alcuni esempi di grandi successi d’Oltremanica.
Pixiwoo
Prime fra tutte le sorelle make-up artist più famose del web, Nicole e Samantha Chapman, più conosciute con il nome di Pixiwoo. Dopo aver inanellato un video di successo dietro l’altro, anche loro si sono buttate sul mercato con una linea di pennelli professionali chiamata “Real Techniques” che ha spopolato in tutto il mondo, andando praticamente a ruba. Non esiste youtuber o blogger che non ne possegga almeno un loro pennello.
Altamente professionali e qualificate, le sorelle di Norwich hanno anche creato una rivista mensile online totalmente gratuita, TWO Magazine, caratterizzata da interviste e video esclusivi.
Sono anche riuscite ad avvalersi di una collaborazione con Simon Cowell, creatore di X-Factor, per il lancio di un web talent, YouGeneration, incentrato sulla ricerca del nuovo make-up artist più bravo del web.  
Dall’entourage delle Pixiwoo sono emersi e si sono fatti spazio altri beauty guru oggi famosissimi, tra questi citiamo Tanya Burr e Wayne Goss.
Tutti insieme collaborano per un altro canale YouTube di bellezza e make-up di matrice ovviamente anglossasone, il DailyMix, in cui vengono presentati diversi video: interviste alle star, giveaways, riproduzioni dei make-up di importanti celebrità e trasformazioni di look incredibili.  
Non mancano però esempi di successi “nostrani”.
Clio
Prima fra tutte Clio Zammatteo, conosciuta ai più come Clio Make Up, la bellunese emigrata in America per potersi iscrivere alla MUD, la famosa scuola di make-up, Make Up Designory di New York e diventare così una truccatrice professionista.  
Il popolo italiano è tendenzialmente esterofilo e quando la nostra Clio si è lanciata sul “tubo” trasmettendo i suoi consigli, le sue esperienze direttamente da New York, rivolgendosi al pubblico italiano quasi come fosse una confidente, il successo non ha tardato ad arrivare.
Oggi Clio vanta un canale YouTube tra i più frequentati, invade i social network con la sue pagine Facebook, Twitter e Instagram, possiede un blog seguitissimo e addirittura un’applicazione per IPhone.
Ha collaborato con Pupa uscendo sul mercato con una propria linea ad edizione limitata, ha pubblicato diversi libri e conduce un programma di make-up su RealTime.
E’ stata tra le prime italiane a presentarsi su YouTube come una beauty guru, spianando la strada a tutte le altre ragazze che l’avrebbero poi seguita a ruota, ottenendo chi più, chi meno successo.
Tra le tante, citiamo Giuliana Makeupdelight2009, Donatella TheMissRettore, Lolla MissStrawberryfields e tante altre.  
Lisa Eldridge
Oggi però YouTube non è più solo un trampolino di lancio verso il successo, ma anche uno strumento utile per l’auto-promozione e la pubblicità.
Lo sanno bene alcune tra le make-up artists più famose che hanno visto nascere la loro carriera negli anni ’80 e che ancora oggi, dopo venti anni, si ritrovano a cavalcare la cresta dell’onda.
Lisa Eldridge e Charlotte Tilbury sono tra queste.
Entrambe presenti su YouTube con un loro canale, continuano a farla da padrona e a dettare le mode e le tendenze in fatto di make-up e consigli di bellezza.  
Ad oggi siamo nel momento di massima espansione del fenomeno, oltretutto continuamente fomentato e alimentato dalla costante ricerca della bellezza. Non a caso la cosmesi è uno dei pochi settori a non aver particolarmente risentito degli effetti della crisi economica. Allo stato attuale il web è totalmente saturo di video e tutorial riguardanti il make-up e forse presto, per poter sopravvivere, il fenomeno sarà costretto ad evolversi in qualcosa di più innovativo, avvincente e accattivante. Le nostre beauty guru continueranno a girare video anche quando il loro aspetto esteriore avrà perso il fascino e la freschezza originali? Forse si comincerà a dedicarsi in maniera predominante dei blog, ma questa è un’altra storia…


Testo di Marianna Andolfi per la tesina finale del Corso di Trucco Beauty&Correttivo di 120 ore + stage. 
Clicca QUI per il programma e le prossime date.




Nessun commento:

Posta un commento