14 luglio 2014

Viaggio nel mondo del make up della sposa



Introduzione

Quando si parla di trucco sposa, molto spesso, soprattutto tra i non addetti ai lavori, è luogo comune pensare subito ad una sposa standardizzata ad un’immagine “botticelliana”; in realtà, credo che ogni donna nel giorno delle sue nozze debba rispettare il proprio essere, il proprio stile e i propri gusti, senza dover indossare nessuna “maschera” che non le appartiene e che la farebbe sentire sicuramente fuori luogo.
Il fatto che non debba esistere a tutti i costi un make up universale per tutte le spose, quindi, un’immagine prestabilita della donna che si accinge a sposarsi, non deve farci pensare che non esistano regole e accorgimenti precisi che ciascun truccatore professionista deve conoscere e rispettare affinché si possa avere un risultato impeccabile.
Un bravo truccatore sa infatti che: bisogna creare un make up che abbia una lunga durata e che garantisca una resa perfetta in fotografia/video, ma che, allo stesso tempo, non risulti troppo carico dal vivo; deve fare delle scelte in modo da poter creare un legame armonioso tra make up, acconciatura ed abito; deve riuscire a far sentire ogni sposa la donna più bella nel suo giorno.



- Regole base -
Cura della pelle:
La regola base che andrebbe applicata sempre, non soltanto in occasione delle proprie nozze, è quella di avere cura della propria pelle: con largo anticipo bisogna curare eventuali patologie e sottoporsi a sedute di peeling e pulizia del viso. Se la pelle non è ben curata, infatti, per quanto il trucco aiuti, tuttavia non può fare miracoli. Il trucco da sposa ideale, quindi, inizia a diverse settimane di distanza dal giorno fatidico, con una cura della pelle corretta e attenta, prodotti specifici ed alcune semplici regole di vita sana. Averne cura anche a casa diventa uno step fondamentale, detergere, struccare e idratare quotidianamente la pelle del viso aiuterà a mantenerla tonica e luminosa; una o due volte la settimana, poi, sarà utile utilizzare uno scrub per rimuovere le cellule morte e pulire in profondità.
Un altro importante trattamento settimanale è la maschera: sono consigliabili un tipo idratante, oppure agli acidi della frutta per un effetto "pelle nuova". Infine, non bisogna dimenticare di curare la pelle anche "dall'interno": dormire regolarmente ogni notte per 6-8 ore, bere almeno un litro e mezzo d'acqua al giorno e mangiare in modo sano ed equilibrato completerà il programma "pelle perfetta", regalando un'epidermide sana e radiosa.




Il trucco deve essere a lunga tenuta:

Ogni sposa deve essere perfetta per almeno 10 ore, spesso in condizione di luce e calore estivo, per la maggior parte dei casi, condizioni in cui l’appiattimento dei colori e le temperature compromettono la resa e la durata del trucco se non è ben fissato. Fondamentali alleati di un trucco a lunga tenuta diventano: fiale fissatori/tensori, esse vanno applicate prima del trucco creando una sorta di pellicola e permettono al make up di durare di più; primer per illuminare ed uniformare l’incarnato; cipria per fissare il fondotinta che andrà scelto nella stessa tonalità della pelle della sposa; prodotti rigorosamente waterproof, altrimenti giusto il tempo di una lacrima o un velo di sudore e il look sarà rovinato, compromettendo anche la qualità del servizio fotografico; spray fissante che andrà applicato su tutto il viso a make up ultimato e che garantirà una maggiore durata.
Tutti i prodotti devono essere lavorati benissimo, in modo che si amalgamino e valorizzino il volto, impreziosendolo; un trucco fatto con pochi prodotti e lavorati male dura poco e in foto scompare, facendo apparire i visi ingrigiti e spenti.


Il trucco deve essere fotogenico:

Normalmente una sposa viene guardata da diverse distanze, sia da vicino che da lontano, ma viene anche fotografata e videoripresa in varie condizioni di luce durante la giornata e il trucco deve comunque essere impeccabile. Per far sì che il make up renda bene in foto, vanno evitati per gli occhi ombretti molto shimmer o glitterati, perché creano dei bagliori effetto specchio che in foto sono difficili da gestire, specie durante un servizio fotografico all’aperto. L’ideale è, quindi, un trucco non troppo perlescente e realizzato con una tecnica morbida, che valorizzi i pregi e minimizzi i difetti della sposa; questo non vuol dire che il trucco debba essere per forza effetto invisibile, si può realizzare anche un bel make up particolare ed evidente senza marcarlo troppo o renderlo eccessivamente definito, ad esempio, uno smokey un po’ più tenue e ben sfumato rende molto bene anche in fotografia.
Inoltre, non c’è neanche l’obbligo di usare esclusivamente ombretti opachi, se il fotografo è bravo saprà sicuramente come valorizzare i punti luce perlati, l’importante è dosarli con attenzione e l’effetto sarà bellissimo.
I segni troppo grafici vanno evitati, ma una riga di eyeliner sottile con la codina è ottima anche in fotografia, sempre se ben realizzata. Per una sposa dallo look romantico ma vagamente vintage, stile Audrey Hepburn.


Il trucco deve valorizzare la sposa:

Esistono donne che stanno meglio con un trucco molto leggero, specie se queste ne sono consapevoli e non si sono mai truccate molto nella loro vita, però, ciò che è buono per determinate donne per molte altre non lo è affatto. Ci sono visi che necessitano di definizione, per cui una buona dose di ombre e luci per il viso e lo sguardo, e di colore per le labbra sono fondamentali e non risultano forti, ma, al contrario, si armonizzano con la naturale intensità del viso, altrimenti risultano spente e piatte. 




Il trucco va scelto in base all’abito e all’acconciatura:

Nonostante, come detto fin’ora, il trucco sposa non sia poi così restrittivo come si pensa, va puntualizzato che un trucco troppo evidente striderebbe con lo stile classico e delicato dell’abito da sposa tradizionale. Le spose Indiane, per esempio, sono senz’altro bellissime con i loro make up intensi e colorati che, però, si abbinano perfettamente ai loro abiti riccamente ornati e nelle tinte più accese, un trucco del genere, invece, su un abito classico occidentale risulterebbe meno adatto.
Se l’abito è bianco, principesco, con tanto di veli, pizzi e ricami, il make up dovrebbe esprimere una femminilità romantica e raffinata, per cui andrebbe scelto qualcosa di più soft.
Se invece l’abito scelto dalla sposa abito ha un taglio più minimal e moderno si può puntare su un trucco più glamour, magari con uno smokey tenue, molto morbido e sfumato o puntando direttamente sul rossetto. Chi dice che una sposa non possa avere le labbra rosse?
Ci sono spose, per esempio, che scelgono abiti dal gusto retrò e in quel caso anche il make up viene studiato per far sì che si armonizzi con tutto il resto.
Se invece il vostro abito ha uno stile alternativo, magari rosso o addirittura nero, puntate pure ad un trucco più forte come il classico smokey nero, specie se la cerimonia si svolgerà di sera. Insomma, il vostro look deve risultare coerente nell’insieme.

Il trucco deve essere correttivo:
Il trucco sposa non è altro che un trucco di abbellimento correttivo eseguito tenendo conto delle regole fino ad ora viste. E’ importantissimo, quindi, usare delle tecniche che vadano a minimizzare i difetti del viso, come il contouring per armonizzare i lineamenti, la matita per regolare il disegno delle labbra e la sfumatura di ombretto ideale a valorizzare la forma dei propri occhi. Questo include anche una base impeccabile; anche se si ha a che fare con una bella pelle, fare una base completa è fondamentale affinché le spose siano fotogeniche, inoltre, bisogna tener presente che le spose si troveranno ad affronterete una giornata impegnativa e il fondotinta attenuerà anche eventuali rossori dovuti all’emozione o al caldo. Tuttavia, va ricordato che anche una base eccessivamente coprente è da evitare, in modo da non ritrovarci di fronte a spose che sembra indossino una maschera di cera. 




Proporre alla sposa un paio di prove trucco prima del gran giorno:
Provare il make up alla futura sposa è fondamentale, servirà non solo a selezionare il look migliore e a studiare meglio il viso prima di scegliere le tecniche correttive, ma anche a testare i prodotti e a vedere come reagiscono con la pelle della cliente. Non è detto, infatti, che un prodotto che ha una buona riuscita su una sposa, la abbia su tutte. Non si dovrebbe mai improvvisare, è necessario pianificare perfettamente cosa usare e come fare.




Il make up delle spose asiatiche e l’influenza dello stile nuziale occidentale.

Fino ad ora abbiamo analizzato gli stili e le regole che contraddistinguono un make up sposa tipico delle nostre tradizioni, per quel che riguarda i paesi asiatici, invece, ognuno di loro ha tradizioni e abbigliamenti nuziali unici, che comprendono anche il trucco e le acconciature da sposa. Molte spose asiatiche indossano acconciature elaborate, con diversi gradi di decorazioni, e applicano un trucco d’effetto.
La popolarità dello stile nuziale occidentale varia a seconda del paese, ma , in genere, ha influenza sulla maggior parte dei matrimoni asiatici.


Stile tradizionale giapponese:
I matrimoni giapponesi tradizionali hanno le loro radici nelle tradizioni Shinto, e la sposa viene ornata secondo queste tradizioni. Le spose giapponesi indossano un copricapo elaborato, con molti decori disegnati per portare fortuna alla nuova coppia. Le damigelle dipingono il viso della sposa di bianco, dalla testa ai piedi, come simbolo di verginità. Inoltre, le spose giapponesi indossano solitamente un rossetto rosso fuoco. 





Stile tradizionale cinese:
I matrimoni cinesi hanno delle tipiche tradizioni riguardo l’aspetto della sposa, una di queste riguarda l’acconciatura dei capelli. Le spose cinesi si sottopongono a un rituale nel quale una donna portafortuna pettina i capelli della sposa nello stile più adeguato alle donne sposate; indossano un trucco pesante, adatto alla loro carnagione, che include tonalità di marrone e rosa. Anche le spose cinesi, così come quelle giapponesi, indossano un rossetto rosso. 





Stile tradizionale dell’Asia occidentale.

Le spose dell’Asia occidentale, come le indiane e le pakistane, hanno tradizioni decisamente differenti dalle spose dell’Asia orientale. Le acconciature da sposa indiane e pakistane variano, ma spesso usano trecce. Il trucco ha un ruolo molto importante per la sposa asiatica occidentale, per le spose indiane e pakistane, l’enfasi cade sugli occhi. Le damigelle truccano in maniera sensazionale gli occhi, usando eyeliner e ombretti molto elaborati. Per il resto del make-up, il contorno della pelle è notevole; in genere vengono utilizzati colori nei toni del rosso, del bronzo e dell’oro. 




Stile asiatico moderno:
Per parecchie culture asiatiche, la società occidentale ha un forte impatto sugli stili nuziali e molte spose “trendy” decidono di includere le acconciature e il make-up occidentali nel loro look. Accostare stili tradizionali con questi nuovi stili presenta un’opzione unica per le spose asiatiche. Per questo look, le acconciature da sposa spesso sono dei semplici chignon occidentali o qualche volta appaiono tradizionalmente asiatiche, ma con meno accessori, come fiori e nastri, che si riferiscono alla cultura della sposa. Il trucco sembra meno appariscente e include dei colori naturali, leggeri e femminili più vicini allo stile occidentale, o il bronzo, l’arancione e il color pesca per le opzioni più tradizionali, a seconda di quale si abbina meglio all’abito della sposa. 








Tesina di Ilaria di Stefano per l'esame finale del Corso di trucco beauty&correttivo.




Nessun commento:

Posta un commento